• martadore

Tagli e cuci relazioni, nonostante il coronavirus


Quando qualcosa sta venendo molto bene spiace sempre doverlo anche solo interrompere. È il caso del corso di cucito che Effathà Laus ha avviato a Somaglia, nel lodigiano, nell'ambito dell'azione 4 del progetto Unire-Universi in Rete: la proposta è stata accolta con entusiasmo da una trentina di donne, molte di origine araba, qualcuna indiana e qualcuna dell'Africa sub-sahariana, residenti a Somaglia ma anche nei comuni vicini. Tutte si sono dimostrate contente di imparare le basi della sartoria insegnate da 4 sarte volontarie, di cui una romena (all'insegna della mescolanza!): il corso è un'occasione per imparare, certo, ma anche per allargare il cerchio di conoscenze o per approfondire relazioni, cosa fondamentale per queste donne che sono spesso piuttosto isolate.


A guastare la festa è arrivato il coronavirus, che ha imposto una sospensione delle attività visto che Somaglia si trova nella zona rossa individuata dai sanitari.

Ci dispiace molto soprattutto per le ragazze, che devono rinunciare a questi momenti di socializzazione. Ma presto tutto tornerà alla normalità e, non appena le misure di sicurezza saranno concluse, il corso ripartirà con grande soddisfazione di Afida, Abiba, Titi e tutte le altre.



41 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti